IL LEONE: IL RE DELLA SAVANA

Il leone è un mammifero carnivoro, tra i più grandi dei Big Five del genere Panthera leo, membro della famiglia dei Felidi. Il termine comunemente usato ‘leone africano’, denota collettivamente le diverse sottospecie in Africa. Con alcuni maschi che superano i 250 kg di peso, è il secondo gatto vivente più grande dopo la tigre. I leoni selvatici esistono attualmente nell’Africa sub-sahariana e in India, dove una popolazione rimanente, in via di estinzione, risiede nel Gir Forest National Park.

Nei tempi storici antichi, il loro raggio d’azione era nella maggior parte dell’Africa, incluso il Nord Africa, e in tutta l’Eurasia dalla Grecia e dall’Europa sud-orientale all’India. Nel tardo Pleistocene, circa 10.000 anni fa, il leone era il grande mammifero terrestre più diffuso dopo l’uomo: Panthera leo spelaea ( leone delle caverne), viveva nell’Europa settentrionale e occidentale e Panthera leo atrox viveva nelle Americhe dallo Yukon al Perù. Il leone è classificato come specie vulnerabile dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), avendo assistito a un forte calo della popolazione nella sua area africana del 30-50% ogni due decenni durante la seconda metà del ventesimo secolo. Le popolazioni di leoni sono insostenibili al di fuori delle riserve designate e dei parchi nazionali. Sebbene la causa del declino non sia completamente compresa, la perdita di habitat e i conflitti con gli esseri umani sono le principali cause di preoccupazione. In Africa, la popolazione di leoni dell’Africa occidentale è particolarmente minacciata.

Conosciuto come il “re della savana” o il “re degli animali”, questo maestoso animale, in natura sopravvive raramente più di 10-14 anni, poiché le lesioni subite dai continui combattimenti con i maschi rivali, riducono notevolmente la loro longevità. In cattività possono vivere più di 20 anni.

Di solito abitano nella savana e nelle praterie, anche se possono prendere la boscaglia e la foresta. I leoni sono insolitamente socievoli rispetto ad altri felini. Un branco di leoni è costituito da femmine con prole imparentate e un piccolo numero di maschi adulti. Gruppi di leoni femmine cacciano in genere insieme, predando principalmente grandi ungulati. I leoni sono predatori apicali, svolgendo un ruolo significativo nel bilanciamento dell’ecosistema, (la legge della natura… il giusto equilibrio),  sebbene siano anche esperti spazzini che ottengono oltre il 50% del loro cibo scavando quando l’opportunità lo consente.

I leoni in genere non cacciano gli umani.

Dormono principalmente durante il giorno, e sono attivi principalmente di notte e anche al crepuscolo.

Il leone maschio è facilmente riconoscibile dalla sua criniera, e il suo muso è uno dei simboli animali più  riconosciuti nella cultura umana.

Le raffigurazioni giungono dal periodo del Paleolitico superiore, con incisioni e dipinti nelle grotte di Lascaux e Chauvet in Francia risalenti a 17.000 anni fa. I leone è stato ampiamente raffigurato in sculture, dipinti, bandiere nazionali e in film e letteratura contemporanei.